Triathlon per principianti

Triathlon per principianti, ovvero come iniziare a fare triathlon?

Se sei arrivato qui è perche nella tua mente è scattato qualcosa…

Mi piacerebbe iniziare a fare triathlon

o

Vorrei provare a fare una gara di triathlon

Che tipo di triathlon fare e come sarà composto l’allenamento ?

Diamo per scontato che un minimo di allenamento per iniziare triathlon sia sinonimo di triathlon stesso e che la distanza che andremo a considerare è quella del triathlon sprint.
Fondamentalmente esistono altre 4 tipologie di triathlon che sono: triathlon olimpico definito anche corto, triathlon medio o mezzo ironman o 70.3, triathlon lungo (oramai quasi scomparso) ed ironman. Noi focalizzeremo l’allenamento per il triathlon sprint.

Di che materiale ho bisogno?

Triathlon obbligatorio: Body
Triathlon facoltativo: Elastico porta numero, cardio frequenzimetro con o senza fascia, borraccia bici.
Nuoto obbligatorio: occhialini e se obbligatoria la muta
Nuoto facoltativo: Ciabatte, muta se facoltativa.
Ciclismo: Bici da corsa (BDC) o Mountainbike (MTB), casco, scarpette con gancio o pedali liberi o con gabbiette.
Ciclismo facoltativo: Occhiali.
Corsa obbligatorio: Scarpe da corsa.
Corsa facoltativo: occhiali da sole, cappellino.

Quanto corrisponde un minimo di allenamento per principianti?

Premessa

Un paio di considerazioni: il triathlon non può essere considerato come la somma di tre discipline (ovviamente in questo caso il nuoto il ciclismo e la corsa) in quanto ogni disciplina impatta sulle altre e lo può fare sia in termini positivi che negativi, vediamo due esempi per capire meglio di cosa stiamo parlando.

Esempio positivo di allenamento

Esempio di impatto positivo. Oggi corro, domani recupero e dopodomani uscirò in bicicletta. In questo caso la bicicletta beneficerà dell’allenamento fatto in precedenza dalla corsa anche se in modo aspecifico. Su questo classico esempio se ti andrà di approfondire ho scritto un articolo specifico dal titolo: “Bici senza allenamento specifico

Esempio Negativo di allenamento

Esempio negativo. So che la media di allenamenti settimanale di una disciplina presa singolarmente, come per esempio la corsa, prevede 4 uscite. Il ciclismo ne prevede per esempio 3, il nuoto 4. Quindi credo che per essere bravo debba fare 11 allenamenti a settimana. Supponiamo di aver iniziato da poco, per cui si hanno tendini e legamenti non ancora formati. Faccio un allenamento di corsa dopo un allenamento di bici e mi strappo. Ho compromesso se mi va bene la stagione, se mi va male molto di più. Da certi infortuni non si rientra più o si rischia di trascinare problemi fino a cronicizzarli.

La letteratura e la nostra esperienza nei confronti del triathlon sopratutto per principianti

Da diverse prove e studi fatti, una gara di triathlon sprint o la copertura di tale distanza può essere fatta anche allenando una singola disciplina a settimana. Il mantenimento di una determinata capacità avviene con un singolo allenamento settimanale. Il de allenamento avviene dopo 15 giorni di inattività. Il fatto di farne un singolo allenamento specifico per una singola disciplina a settimana ma tre discipline diverse nella settimana crea quella sinergia di cui parlavamo prima.

Cosa sarebbe meglio fare ?

Meglio sarebbe passare a due allenamenti per la corsa e il nuoto e come ultima da uno a due allenamenti settimanali anche per la la bici. A regime ma con qualche accortezza ci si può allenare anche tutti i giorni. La diversificazione, sicuramente, come modalità allenante e disciplina, ponendo attenzione al connubio bici e corsa, come vicinanza di allenamenti risulta essere fondamentale. Il nuoto un giorno si e uno no “vive di vita propria”. ATTENZIONE perchè quanto detto è fortemente indicativo e rappresenta un comportamento che vale per molti ma non per tutti. Come vedremo proseguendo nella lettura la materia “allenamento” o la si conosce bene o diventa rischiosa se improvvisata. Questo articolo è volto a far capire l’importanza dell’avere la corretta informazione.

Si può fare di più? SI ma le cose si comlpicano.

Iniziare a fare Triathlon allora e’ facile o difficile?

Iniziare Triathlon in sé può essere tanto semplice e facile quanto complicato e difficile. Tutto sommato basta saper nuotare anche non bene, andare in bicicletta da corsa o MTB e correre. La differenza sta fondamentalmente in due aspetti:

Lo voglio fare bene valorizzando il mio tempo

Se arrivati a questo punto cominci a pensare che fare Triathlon possa avere più valenze (salute, divertimento, risultati, tempo a disposizione per allenarsi compatibile con impegni di lavoro, famigliari, etc…) sappi che l’apparente semplicità è solo tale. Ogni disciplina ha i suoi metodi allenanti, tecnici, strategici, che vanno periodizzati nel corso delle settimane (microcili) dei mesi(mesocicli) e dell’anno (macrocilci). Finalizzati agli obbiettivi e legati anche all’alimentazione. Il tutto in un delicato incastro di equilibri causa / effetto. Pertanto un buon all’allenamento risulta essere la parola chiave  che può fare la differenza fra un obbiettivo raggiunto o un infortunio.

Rischio veramente un infortunio ?

L’improvvisazione, come del resto in tutti i campi, non solo può non dare risultati sperati come dicevamo ma può causare danni. Prendere tabelle di allenamento a caso o di moda di cui la rete è piena e sperare che funzionino può sembrare una soluzione facile ed economica giustificata dal fatto di dire “Ho appena iniziato, a me basta poco“. Oppure si può ambire a cimentarsi subito su distanze importanti quali quella del triathlon olimpico o triathlon medio se non addirittura nell’IRONMAN (per preparare bene un Ironman possono servire anche 3, 4 anni di preparazione).

Ci sono statistiche secondo le quali lo sport a maggior indice di infortunio risulta incredibilmente essere non che ne so, il pugilato o il motocross per fare un esempio ma il joggin!

Il 56.8% delle persone che iniziano fra i 26 e i 45 anni si infortunano perché fanno allenamenti a loro non congeniali.

infortuni sport
infortuni sport

Si rischia inoltre di “buttare tempo” in allenamenti lunghi inutili e dannosi. Di non avere in risposta le prestazioni che ci si aspetta, stufarsi ed abbandonare se non addirittura infortunarsi e dover nella peggiore delle ipotesi abbandonare definitivamente l’attività sportiva!

Con questo non voglio fare terrorismo ne spaventare nessuno ma evidenziare che i rischi in una disciplina apparentemente semplice ci sono.

Il consiglio se si sceglie la strada del fai da te è di informarsi seriamente attingendo nozioni da testi autorevoli, e iniziare veramente veramente veramente piano!

Se vuoi approfondire una piccola guida per chi vuole iniziare triathlon con il fai da te clicca qui.

Fra le nostre offerte vi è la possibilità di iniziare triathlon nella formula “per principianti” ovviamente da zero e a qualsiasi età.
Commisurata con il tempo che si ha a propria disposizione che può essere anche veramente esiguo e calibrato sui propri punti di forza (che forse non si sa nemmeno di possedere) e con molta cura verso i punti deboli.

La metodologia l’abbiamo battezzata

#allenamentodaybyday

è quella che anche noi utilizziamo.

Potendo personalizzare l’allenamento a qualsiasi livello è possibile creare linee di allenamento / istruzione personalizzate e specifiche alle proprie esigenze, sopratutto quando si sta approciando il triathlon nella formula “triathlon per principianti”

Contatti

Per chiarimenti o adesioni rimando ai contatti.

Riflessioni conclusive

Portare a termine una prima gara di triathlon è una emozione veramente grande. Potrebbe essere l’inizio di un nuovo stile di vita dove la parola Triathlon ricorrerà parecchie volte nell’arco della giornata. Io non potrei pensare ad una vita senza il Triathlon vissuto in armonia ed equilibrio, dove prevalga il divertimento e non lo stress. Dove il dover fare allenamenti improponibili alla ricerca di improbabili obbiettivi sia qualcosa di non contemplato.

Non solo triathlon e non solo per principianti

Uno sport da non abbandonare mai.

“E quando avrai portato a termine il tuo primo triathlon sprint sarai pronto per il primo triathlon Olimpico, magari il triathlon internazionale di Bardolino”

Sul triathlon, allenamento e diversi aspetti abbiamo scritto e scriviamo molto, a seguire alcuni link, altro puoi trovare scorrendo le pagine del blog e facendo ricerca con parola chiave “Triathlon”:

Per accedere al blog ed essere aggiornato anche suigli ultimi articoli clicca qui

Sul triathlon e sull’allenamento sia sprint che olimpico sia per principianti che per avanzati abbiamo scritto e continuiamo a scrivere parecchio. Più si scrive e più ci si rende conto di quanti aspetti ci siano da dire e quanti ancora manchino.

Clicca qui per accedere alla categoria Triathlon o qui per accedere alla categoria allenamento