Vediamo di analizzare con parole povere e concetti semplici e facilmente comprensibili cosa si intende per dieta chetogenica e perché ancora oggi sia considerata una dieta vincente o dieta funzionante.

Cos’è la dieta chetogenica?

La dieta chetogenica è un particolare regime alimentare o dieta alimentare nella quale si elimina completamente o quasi il glucosio o i cosi detti zuccheri o ancor meglio l’intera classe dei carboidrati, introitando soltanto alimenti la cui componente sia un pull di proteine e/o grassi.

Come funziona la dieta chetogenica?

Premetto che per spiegare chiaramente cosa è una dieta chetogenica e di conseguenza per capire bene i principi di funzionamento, si dovrebbe avere ben presente come il nostro organismo utilizza le tre uniche fonti energetiche e plastiche presenti in natura dette macronutrimenti che sono:

Il glucosio

Le proteine

I grassi.

Il glucosio è proibito totalmente?

Se interpretiamo in senso stretto la definizione di dieta chetogenica la risposta è SI!

Parliamoci chiaro: la chetosi della dieta chetogenica è un artificio che simula il comportamento del nostro corpo per sopravvivere quando non ci si alimenta ovvero si è a digiuno. La dieta cheto in pratica simula questa condizione artificialmente evitando il digiuno ma ricercandone gli effetti attraverso l’utilizzo dei corpi chetonici al posto del glucosio. Ogni molecola di glucosio che entra nel nostro corpo abbasserà o ridurrà la formazione dei tanto amati chetoni.

Attenzione perchè glucosio zero vuol dire zero frutta e verdura. Totalmente incompatibile con la nostra natura di ex furgivori poco onnivori vista la quantità ESSENZIALE di sali minerali ma sopratutto vitamine che arrivano da frutta e verdura.

Gli ormoni

C’è da aggiungere una seconda questione. In caso di digiuno o di dieta chetogenica vista dal nostro corpo come digiuno si attivano dei sistemi ancestrali di difesa. Se siamo arrivati qui dopo tre miliardi di anni vuol dire che la natura sa quello che fa! Digiuno e dieta cheto modificano l’assetto ormonale. La maggior parte dei nutrizionisti vi avrà detto che non può essere protratta per troppo tempo. Il digiuno ha come durata massima poco più di un mese. In questo periodo dicevamo molti ormoni cambiano le proprie concentrazioni primo su tutti il cortisolo.

Cosa fa il cortisolo?

Il cortisolo detto anche ormone dello stress, preserva. Avete visto i campi di concentramento? Prima di arrivare alla morte per fame le prova tutte. Fondamentalmente blocca la lipolisi per quanto possibile. Ovvero preserva i grassi a scapito di cosa? Delle proteine.

Perché inizia dalle proteine? E’ come se si avesse una automobile di grande cilindrata, va forte ma serve tanta benzina. Se la benzina non c’è più meglio ridurre la cilindrata per fare più strada consumando di meno.

Stessa semplice ma fondamentale cosa avviene nel nostro corpo. Inizia un processo di catabolismo. Riduzione muscolare, si dbventa magri con ancora la pancetta che è l’ultima da andarsene ma c’è un effetto peggiore. Appena si re inizia a mangiare “normalmente” i primi ad essere riempiti sono gli adipociti per cui si accumula grasso. Ecco perchè si entra nell’effetto yoyo e si rischia di prendere più di quanto si è perso sopratutto in grassi rispetto a proteine.

Come funziona il nostro organismo?

A riposo il nostro organismo “brucia” acidi grassi sotto forma di trigliceridi. I muscoli sono ricchi di glucosio sotto forma di glicogeno che è il nostro carburante per eccellenza, la nostra benzina super. Se iniziamo una attività fisica tanto più sarà intensa tanto più aumenterà il consumo di glicogeno fino all’esaurimento dello stesso.

Quanto glicogeno abbiamo nei muscoli e nel fegato?

Tanto da poter correre per 30 Km (il famoso muro del maratoneta).

Cosa accade se continuiamo a correre una volta finito il glicogeno?

Se abbassiamo l’andatura ovvero la velocità potremo proseguire quasi all’infinito o meglio fino ad esaurimento dei grassi con l’energia dei grassi stessi. Se invece manteniamo una andatura elevata verranno demolite le proteine.

Continua…

Perchè abbiamo usato l’esempio della corsa?

Attinenza con il digiuno ed il digiuno intermittente

Quanto perdete, in media a settimana, in chetogenica?

La dieta chetogenica funziona e corro anche più forte.

Può essere un dato di fatto ma è pur vero che il confronto magari lo si è fatto solo rispetto alla dieta “onnivora” ma si è provato magari rispetto ad una dieta veteraiana o vegana? In realtà alle volte si arriva a dei risultati senza volere e si tende a dare il merito all’una anzichè altra cosa. Interessante sarebbe fare uno studio con tre regimi alimentari, cheto, vegetariano e onnivoro e vedere quale dei tre sia più indicato.

Confronto fra la dieta chetogenica e gli altri tipi di diete

Differenza fra la dieta cheto e la dieta paleo

La differenza fra la dieta chetogenica diciamo cosi pura e la paleo dieta o dieta paleo sta fondamentalmente nella quantità di glucosio più o meno ammesso da parte delle due diete.

La dieta paleo o paleo dieta si rifà ad una visione dell’essere umano cacciatore e raccoglitore analizzando i circa 10 milioni di anni della sua esistenza sul pianeta e reputando gli ultimi 10,.000 anni dell’avvento dell’agricoltura un periodo troppo breve affinché l’animale uomo abbia assimilato o meglio mutato il proprio corpo per essere compatibile con i prodotto agricoli.

Per cui elimina dalla dieta tutto quanto arrivi dall’agricoltura che sono in poche parole i cereali, il latte ed i legumi. La paleo dieta lascia libera assunzione di frutta e verdura mentre la dieta cheto pone un grande freno alla categoria frutta e verdura demonizzando gli zuccheri ampiamente contenuti nella frutta e solo poco meno nella verdura.

Limite della visione della paleo dieta

Il limite della visione della dieta paleo è che in realtà l’uomo come mammifero nel suo primate progenitore è presente da 60.000 di anni e la sua dieta ancestrale era di frutta e verdura più frutta che verdura. Ecco il perché ci sono assolutisti che vedono l’essere umano come furgivoro puro (Fruttariani).

Il secondo errore è calcolare l’evoluzione in anni in forma lineare. Il buon Darwin ci dice due cose fondamentali:

1) se l’ambiente cambia velocemente anche l’adattamento avviene velocemente, diversamente si muore

2) gli anni più vicini a noi hanno più valore rispetto agli anni più lontani in quanto gli adattamenti si fanno per le situazioni ambientali di oggi non di 10 o 60 milioni di anni fà.

Elementi che andremo ad analizzare successivamente:

Dieta cheto a regime vegetariano

E’ come voler essere animalisti senza rinunciare ad una pelliccia di volpe. Fattibile però… O come essere ecologisti con un 5000 V12 che fa 2 Km con un litri di benzina euro0.

Per carità. Fattibile ma estremamente difficoltoso. Eliminata la carne resterebbero uova e formaggio in grande quantità. Oppure ricorrere ad integratori alimentari come ad esempio proteine di origine vegetale che ricordiamo hanno lo stesso profilo amminoacidico di quelle provenienti dalla carne. Sui legumi ci sono pareri discordanti. La presenza di glucosio non li rende compatibili in senso stretto con questo tipo di dieta.

Dieta Cheto a regime vegano

Pro di questo tipo di dieta

Contro di questo tipo di dieta

Riassumendo

Conclusioni

Prima di lasciarci...

Speriamo che quanto da noi scritto sia stato di tuo gradimento! Ci farebbe molto piacere sapere cosa ne pensi o se hai domande da fare. Per questo vi è la possibilità, a fine articolo, di scrivere liberamente nell'area commenti. Non serve fare nessuna registrazione. Gli articoli sono in continua revisione pertanto puoi salvarli e tornare a leggere di tanto in tanto. Sono ben accette anche critiche speriamo costruttive nonchè consigli e richieste. Ci piace l'idea della libera e gratuita informazione senza confini. Tutto questo richiede molto lavoro e il tempo che riusciamo a dedicare è commisurato purtroppo anche dal piccolo rientro economico che produce con la pubblicità. Se prima di uscire clicchi su un riquadro pubblicitario ci dai una mano a crescere. Se volessi fare una donazione di qualsiasi natura con paypal l'indirizzo è roncada.enrico@email.it con causale "donazione". Se vuoi prendere contatto diretto con noi premi qui: "Contatti". Speriamo di riaverti presto.

Dott. Enrico Roncada

4 Comments

  1. come si può migliorare il proprio stato di chetosi per migliorarsi nello sport di resistenza?

    1. Buongiorno, in realtà la chetosi è incompatibile con lo sport in quanto il carburante dei muscoli per eccellenza è il glicogeno sia muscolare che epatico. La chetosi è un sistema utilizzato dal corpo che simula momenti di carestia nei quali il nostro corpo, non potendo assimilare glucidi provenienti dalla dieta utilizza gli acidi grassi per mantener le funzioni vitali.

  2. Oggi le due visioni, la paleo dieta e la dieta chetogenica si possono associare avendone un vantaggio anche nello sport agonistico?

    1. Mi permetto di dissentire. Che poi lo si voglia fare per “comodità” non credo che la cheto accetti elevate quantità di frutta, cheto arriva da corpi chetonici se c’è glucosio gli stessi non vengono prodotti dal nostro organismo. Per il discorso sport e cheto se prendiamo ad esempio i culturisti natural hanno totalmente abbandonato questo tipo di dieta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *