Nella quotidiana guerra tra automobilisti e ciclisti credo vi sia da fare chiarezza.

La premessa è che sono sia automobilista convinto ed appassionato che ciclista che motociclista.

In realtà non sono una categoria ma un essere umano con numerosi altri interessi. Una persona.

In questo articolo mi rivolgerò sopratutto all’automobilista indicando in forma dispregiativa lo stesso. Non me ne se ne voglia…) Indicando più precisamente e riferendomi come tale a quelle persone che alla guida dell’auto non rispettano o ignorano il codice della strada spesso con la convinzione di essere nel giusto.

Una convinzione che tale resta come l’effetto DUNNING-KRUGER

Perchè ho scritto di automobilisti contro ciclisti?

Sulle strade italiane ogni due giorni muore un ciclista

In base alla rilevazione dell’Associazione sostenitori e amici polizia stradale nei primi  tre mesi del 2021 sono morti 44 ciclisti, nello stesso periodo del 2019 le vittime erano state 37, nessun beneficio dalle restrizioni alla mobilità del Covid

La visione dell’automobilista

Spesso l’automobilista è auto centrico. Cosa vuol dire auto centrico? Che crede per motivazioni che ora non andremo a sviscerare di avere la precedenza su tutto. O meglio. Sicuramente crede che visto che l’auto è più ingombrante di altri veicoli e visto che l’auto è più veloce di altri veicoli l’auto debba poter passare a qualsiasi velocità ovunque vi sia la possibilità fisica di potersi inserire. Nel suo immaginario di mondo perfetto la bicicletta dovrebbe o stare a un millimetro dal ciglio della strada e se due rigorosamente in fila indiana o andare in ciclabile.

Nono considera diversi aspetti alcuni da codice della strada altri dettati dal buon senso altri ancora a causa di incuria o incapacità di realizzare ciclabili adatte alle biciclette.

Se l’automobilista fosse anche ciclista capirebbe che:

  1. Il codice della strada OBBLIGA l’automobilista a tenere la distanza di minimo 1,5 metri, ripeto: un metro è mezzo da ciclista per effettuare una fase di sorpasso. (Salvo poi rimangiarsi in parte la parola ma lo vedremo poi).
  2. Quando passi un ciclista fai un sorpasso come se stessi sorpassando un trattore agricolo giusto per fare un esempio, se non passi ti accodi e aspetti e passare non vuol dire passare a 1 cm… vedi sopra
  3. Nelle bellissime strade italiane spesso ci sono buche sul ciglio strada e anche su buona parte della stessa che ti obbligano a fare zig zag, non puoi pretendere che il ciclista finisca in buche di con il rischio di cadere solo perchè tu devi passare.
  4. Ti lamenti che il gruppo di ciclisti non prosegua in fila indiana. In realtà il gruppo compatto che occupa anche l’intera carreggiata ti stà facendo un piacere perchè la puoi superare sempre come fosse un trattore agricolo, diversamente se non riesci ad avere il metro e mezzo stai dietro e quando puoi è come dover sorpassare un tir vista la lunghezza.
  5. Le regole valgono per tutti… per tutti a parità di mezzo ma la bicicletta ha regole diverse dall’automobile. Ti consiglio di ripassare il codice della strada.
  6. Forse non sai che le bici possono viaggiare affiancate in almeno due occasioni: se si ha con se un minore che viaggia internamente e nelle strade urbane
  7. Infine ricordati che tu ti giochi dei secondi perchè hai fretta il ciclista si gioca la vita e se lui scende dalla bici e tu dall’auto siete 2 esseri umani con stessi diritti.
  8. Non ho ancora parlato sia della morale, tu sei più grande dovresti portare in ogni caso rispetto occupi più spazio e hai i suoi stessi diritti. Che del codice della strada.
  9. LA ciclabile ricordati che è tale solo se è solamente riservata alle biciclette e realizzata con logica, in italia più che ciclabili ci sono recinti dove infilare mamme con carrozzine gemellari e possessori di multi cani dotati di guinzagli ad estensione chilometrica.

La visione del ciclista.

Anche il ciclista ha le sue colpe nella guerra automobilisti contro ciclisti ma a mio avviso sono sicuramente di portata inferiore. Ovviamente sa che l’automobilista medio è tarato sulle credenze di cui sopra esposto. Io stesso quando presi la patente non lessi nulla della distanza tra auto e ciclista. Forse al tempo nel lontano 1988 non esisteva nemmeno o non era contemplata ne nei quiz ne nel libro della teoria.

Il ciclista alle volte resta “più largo” apposta per non farsi sorpassare “al millimetro”. Purtroppo spesso deve evitare buche presenti sul fondo stradale. La bicicletta sopratutto se da corsa è molto più sensibile al fondo stradale.

Spesso in bici si va anche o si dovrebbe andare per rilassarsi, per convivialità. Essere affiancati a due a due può essere pericoloso solo in certi tratti stradali come abbiamo sopra accennato. E’ persino possibile se non addirittura consigliabile in certe tipologie di strada. Sai già che l’automobilista ignorante ti suonerà perchè non lo sa e qui si inizia a mandarsi “a quel paese” rischiando di arrivare anche alla rissa. Ha senso? Automobilista, dovevi passare a tutti i costi non per fretta ma per rivendicare quale presunto diritto? Vuoi far vedere di essere più furbo? Più forte?

Una strada due veicoli

Nella guerra fra automobilisti e ciclisti vi è un unico attore: la strada. Un paese già piccolino di suo, con tante stradine e realizzazioni di ciclabili che di tale hanno solo il nome contribuisce a questa guerra dei poveri. Il volume di traffico vede spesso in molte città sulla velocità media la bicicletta avanzare a velocità superiore a quella dell’automobile. La frustrazione dell’automobilista nell’avere un mezzo che dovrebbe potenziare la velocità fermo incastrato nel traffico con il pensiero della maxi rata finale sapendo che si sta consumando anche da fermi, probabilmente, inconsciamente fa aumentare l’odio verso il ciclista apparentemente spensierato e privo di problemi. Se ha tempo per andare in bici vuol dire che non deve andare a lavorare o altre baggianate di questo tipo.

Le strade dovrebbero essere a misura di tutti: con una linea di bordo strada sicuramente staccata dal ciglio della stessa per quanto possibile. Va ricordato che se non vi è linea di mezzeria il sorpasso di una bicicletta va fatto come se fosse un trattore agricolo e che due auto e una bici non ci stanno per cui è l’auto che deve sorpassare che deve aspettare!

Il codice della strada

Come dicevo sono ignorati quasi totalmente due principi fondamentali: la distanza da tenere dal ciclista in fase di sorpasso del metro e mezzo. Il fatto che le biciclette possano procedere appaiate a due a due in caso vi sia un minorenne o in centri urbani o in strade a bassa densità di circolazione. In ogni caso il sottoscritto è parzialmente in accordo con l’art. 182 che riconosce la possibilità di viaggiare affiancati anche se io lo estenderei a tutte le strade. Diversamente l’automobilista monotematico pensa che non si possa mai! Non parliamo del metro e mezzo dell’articolo 149 comma 1 che fa riferimento al 148 e che è scritto ovviamente in burocratichese.

Il buonsenso

Dovrebbe essere sempre pensare che non c’è l’automobilista o il ciclista ma persone. Esseri umani, vite, padri e madri con famiglie e figli. Datevi tutti una calmata. Se volete andare forte mollate l’automobile e comperatevi una moto. Siete ridicoli quando vi ammazzate per guadagnare pochi metri e io in moto vi supero a centinaia alla volta. Il buonsenso e alle volte forse non è questione dello stesso ma di altro è che la guerra fra automobilisti e ciclisti non vi dovrebbe essere.

Concludendo

Al di la delle mille posizioni personali chiediamoci solo se ha senso ammazzare una persona che va in bicicletta ogni due giorni.

Prima di lasciarci...

Speriamo che quanto da noi scritto sia stato di tuo gradimento! Ci farebbe molto piacere sapere cosa ne pensi o se hai domande da fare. Per questo vi è la possibilità, a fine articolo, di scrivere liberamente nell'area commenti. Non serve fare nessuna registrazione. Gli articoli sono in continua revisione pertanto puoi salvarli e tornare a leggere di tanto in tanto. Sono ben accette anche critiche speriamo costruttive nonchè consigli e richieste. Ci piace l'idea della libera e gratuita informazione senza confini. Tutto questo richiede molto lavoro e il tempo che riusciamo a dedicare è commisurato purtroppo anche dal piccolo rientro economico che produce con la pubblicità. Se prima di uscire clicchi su un riquadro pubblicitario ci dai una mano a crescere. Se volessi fare una donazione di qualsiasi natura con paypal l'indirizzo è roncada.enrico@email.it con causale "donazione". Se vuoi prendere contatto diretto con noi premi qui: "Contatti". Speriamo di riaverti presto.

Dott. Enrico Roncada

2 Comments

  1. Non condivido assolutamente il ” se volete andare forte lasciate l’ auto ma prendete la moto” saremo sempre al punto di partenza… dobbiamo tutti rispettare il codice della strada e lasciar stare la fretta di tutti i giorni… scrivo da ciclista,motociclista e automobilista

    1. E’ una disamina cruda e dura ed anche un pò provocatoria. E’ risaputo che la velocità media dell’ingombrante automobile che spesso porta una sola persona che per muovere 70 Kg si porta dietro un volume 50 volte il suo e un peso di 2 tonnellate in strade dove come vediamo non si passa già a fatica una bicicletta se si ha fretta reale fretta non ha senso. La velocità media di un auto in centri abitati è inferiore a quella di una bicicletta. Ragionatevi sopra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *